2° Memorial “Gaetano Lo Re”

Domenica 31 Agosto si svolgerà il  2° Memorial intitolato a Gaetano Lo Re, indimenticato appassionato di auto d’epoca. 

La manifestazione sportiva, oltre ad avere una connotazione storica , ha anche una valenza turistica in quanto il programma della giornata prevede visite guidate ai monumenti e ai musei della città per i partecipanti. Un modo intelligente per sposare la storia dinamica (le auto) con quella statica ( i monumenti) in  una cornice  paesaggistica suggestiva come quella delle colline dell’entroterra siciliano.FiatTopolino

 

 

Inaugurato l’ INFO POINT

Lunedi’ 30 Giugno è stato inaugurato il Tourist Info Point, nato da un protocollo di intesa tra Provincia, Comune e Pro Loco.La conferenza stampa si è svolta in Municipio alla presenza del Sindaco Nuccio Sapia, dell’assessore al Turismo Cruciano Fontanella   e del presidente della Pro Loco Vincenzo Licata. Il piano di attività programmate dall’ente proponente ( Provincia) è stato illustrato dal funzionario di Settore Achille Contino e da Giusy Miccichè. La cerimonia inaugurale è continuata in Via Jan Palach, nella sede dell’Info Point, con il tradizionale taglio del nastro e visita all’interno dell’ufficio. Tra i presenti Paolo Savatteri e Nino La Spina, rispettivamente presidente provinciale e regionale dell’Unpli (Unione Nazionale Pro Loco d’Italia).

Gli Archi di Pasqua a Casteltermini

Gli Archi di Pasqua, cinque o sei, collocati in prossimità di altrettante chiese, sono realizzati in strutture di legno che prevedono un rivestimento vegetale con palme e  rami di alloro e di rosmarino. Nella parte superiore si appendono ciambelle di pane che verranno poi distribuiti ai fedeli. Gli Archi, che ricordano riti propiziatori pagani delle feste di primavera, esprimono in forme trionfali la vittoria della vita sulla morte. E’ proprio sotto  gli Archi che, la domenica mattina, Cristo Risorto saluta la Madonna nel tradizionale  “ncuntru”. Questo si ripete  più volte: tante  quanti sono gli archi il cui numero, come detto all’inizio, corrisponde quasi sempre al numero delle chiese del paese. Subito dopo l’ultimo “incontro” si odono in lontananza i suoni dei tamburi che scandiscono i ritmi della Festa di Santacroce. Iniziano cosi’ i preparativi per la Sagra del Tataratà, aspetto folcloristico che coesiste da sempre con quello religioso della festa dedicata al simbolo cristiano più importante: la Croce.